Saltar para: Posts [1], Pesquisa e Arquivos [2]




Leonessa Rossa (The complete italian version)

por jardimdoolivalespedrodacova, em 22.07.18

Leonessa Rossa è il nome di un grande felino agile, elegante e veloce, dalla folta, lunga pelliccia rossiccia, ha occhi azzurri, zampe forti e artigli affilati. È un eccellente cacciatore. La sua coda può trasformarsi in una serratura forte e indistruttibile, capace di legare qualsiasi cosa. La sua pelliccia  è  più resistente di un giubbotto antiproiettile, ma è anche un'armatura efficace quando si sente minacciata; quando ruggisce sembra un tuono assordante.
Nella fitta giungla, dove raramente passa la luce, la Leonessa Rossa vive in una grotta piena di lucciole che illuminano l'oscurità, circondata da fiori profumati e colorati che sembrano un arcobaleno.

Un giorno, un masso in fiamme cadde dal cielo e colpì pesantemente la foresta. L'onda d'urto distrusse quel santuario selvaggio. Le fiamme si sparsero, inghiottendo tutto ciò che incontravano sulla sua strada. Gli animali più veloci corsero davanti a quell'inferno incontrollato, alla ricerca di un posto sicuro. Tuttavia, i più lenti e quelli feriti erano in ritardo e furono rapidamente intrappolati dalle alte fiamme.

Il caldo era insopportabile,  piume e  pelliccia rischiavano di bruciare in qualsiasi momento. Era impossibile respirare quell'aria calda piena di fumo nero. Gli animali indifesi si rannicchiavano, si intrecciavano l'un l'altro e si preparavano a morire bruciati.

La Leonessa Rossa corse a dare una mano. Ruggì con forza, deviando il flusso dell'acqua di un fiume vicino in cima al fuoco, spegnendolo. Ma l'acqua scorreva in modo incontrollabile, trascinando tutto davanti a sé e intrappolando di sorpresa gli animali.

L’intelligente Leonessa se ne accorse e, senza esitazione, trasformò la coda in una corrente favolosa e salvò i suoi amici dalla potente alluvione, riportandoli sani e salvi sulla ​​terra ferma.

Quando le acque rabbiose si calmarono, gli animali poterono vedere la desolazione lasciata da quella catastrofe inviata dal cielo. La foresta rigogliosa piena di vita era stata trasformata in una terra senza alberi, carbonizzata e fangosa. Al centro c'era il responsabile di tutto, l'enorme roccia spaziale fumante.

Gli animali spaventati erano fuggiti via. Tuttavia, la Leonessa Rossa stava lì perché curiosa. Voleva sapere di cosa si trattasse e da dove venisse. Si avvicinò con cautela. Non era un meteorite o un asteroide ma un gigantesco robot fatto di roccia e metallo!

I suoi occhi brillarono e la sua testa si spostò per fronteggiare la Leonessa Rossa.

- Il mio tempo è finito! - disse con voce cavernosa piena di dolore il robot in fin di vita - Per milioni di anni ho protetto questo pianeta dalle invasioni extraterrestri. Le forze che ci attaccano ora sono troppo potenti.  Sono stato sconfitto. Porta questo talismano al Maestro Chaka-Al, il guardiano della Montagna del Fuoco. Lui sa cosa fare per salvare la Terra dall'invasione.

Detto questo, il gigantesco robot si trasformò in una nuvola di polvere e sabbia soffiata dal vento.  La Leonessa Rossa era sola in quella desolata terra con il peso di una terribile missione: come avrebbe consegnato al Maestro Chaka-Al  quel misterioso talismano?

La Leonessa Rossa sapeva benissimo che la Montagna di Fuoco era lontana diverse miglia da lì. Allora, pensò di mangiare quei pochi fili di un'erba speciale essiccata che un'aquila reale le aveva portato in dono da un paese lontano alla sua nascita con un biglietto di auguri su cui erano scritte le seguenti parole: 'Ricordati di mangiarla solo quando vorrai essere come me'.

Solo adesso capiva il significato di quel dono e quell'erba sarebbe stata molto utile per raggiungere la Montagna di Fuoco, anche se l'effetto sarebbe durato solo alcune ore.

Mangiata l'erba si trasformò in una splendida aquila , prese tra i suoi artigli il talismano e spiccò il volo.

In breve tempo raggiunse la montagna avvolta da una fitta nebbia, quindi cominciò a volteggiare finché si ritrovò davanti l'ingresso di una enorme grotta sbarrato però da un gigantesco masso. Nel frattempo le sue piume si erano trasformate in una folta rossa  pelliccia, a poco a poco aveva ripreso le  sembianze da Leonessa.

Si trattava di una grotta incantata per cui la Leonessa Rossa per raggiungere il Maestro   Chaka-Al doveva superare tre difficili prove.

La prima riguardava la forza, la seconda il coraggio e l'ultima la saggezza.

Non si lasciò affatto intimorire dalla prima prova perché grazie alla sua potente coda...

…..La Leonessa Rossa scivolò lungo l'ultimo tratto della montagna gigante. Atterrò prima su  un fascio di erba. Alzò lo sguardo per trovare la seconda sfida che l'aspettava. La leonessa dovette incontrare la sua peggiore paura. Sabbie mobili! Si avventò e girò le sabbie mobili gorgoglianti prima di atterrare con un tonfo su uno scintillante smeraldo verde. La Leonessa notò subito che mancava una grossa fetta della gemma. Questa doveva  essere la terza sfida.


Guardò su e giù, da un lato e dall'altro finché raggiunse un antico muro muschioso. Sopra c'era una vibrante luce verde, doveva essere il pezzo mancante. I mattoni tremavano quando la Leonessa si issò in cima al muro. Alla fine riuscì a raggiungere e senza esitazione afferrò lo smeraldo e con sicurezza saltò a terra e cominciò a correre verso lo smeraldo rotto più velocemente che poteva. Con attenzione, la leonessa rossa mise la parte mancante della gemma nel buco come se fosse un pezzo di puzzle. BOOM! Si aggirava in completo terrore ma fu sorpresa ... il muro era sparito.

Al suo posto, c'era un villaggio ma questo non era un villaggio normale. Era un villaggio abbandonato. C'erano un gruppo di capanne ricoperte di muschio su un lato della foresta oscura. Mancava almeno la metà di ogni capanna sudicia, la maggior parte dei buchi erano coperti da un'edera tortuosa che si arrampicava lentamente sulle rovine. La Leonessa aveva bisogno di dare un'occhiata più da vicino. Passò accanto a un fuoco ancora acceso. Qualcuno doveva essere stato lì di recente. Sbirciò dentro una capanna ricoperta di muschio. Il cespuglio dietro di lei frusciava, c'era qualcosa dentro ...


Ed eccola lì, la Pantera Nera, in piedi proprio davanti alla Leonessa. La stava fissando con i suoi occhi infuocati, gli occhi rossi, gli artigli affilati come rasoi, la pelliccia nera lucente, setosa e baffi affilati e potenti. La Pantera era forte come un gorilla e veloce come un ghepardo. Alla Leonessa erano state raccontate storie sulla malvagia mitica Pantera Nera che vagava nella foresta di notte e qui era in carne ed ossa, stava proprio di fronte alla Leonessa. Le storie raccontate di come fosse furba, spietata, subdola e malvagia,  venivano insegnato ai giovani animali che se mai l’avessero vista avrebbero dovuto correre a casa immediatamente e mai, mai guardarla dritta negli occhi. I loro occhi si incontrarono ...

Autoria e outros dados (tags, etc)

publicado às 23:17


Mais sobre mim

foto do autor


Pesquisar

Pesquisar no Blog

Arquivo

  1. 2018
  2. J
  3. F
  4. M
  5. A
  6. M
  7. J
  8. J
  9. A
  10. S
  11. O
  12. N
  13. D
  14. 2017
  15. J
  16. F
  17. M
  18. A
  19. M
  20. J
  21. J
  22. A
  23. S
  24. O
  25. N
  26. D

subscrever feeds